Mirabilia Hominis: Lavoratori

Versione PDF

Soci lavoratori: estratto dallo statuto

Titolo III
Soci Cooperatori

Art. 5 (soci cooperatori)

[…]
1) Soci lavoratori, vale a dire persone fisiche che esercitino professioni, arti o mestieri attinenti alle attività d’impresa svolte dalla cooperativa o comunque atte al raggiungimento degli scopi sociali, o comunque possiedano i necessari requisiti tecnico-professionali e svolgano la loro attività lavorativa per il raggiungimento degli scopi sociali, mettendo a disposizione le proprie capacità professionali, in rapporto allo stato di attività ed al volume di lavoro disponibile. I soci lavoratori partecipano ai risultati economici ed alle decisioni sulla loro destinazione. Nei limiti fissati dalla legge potranno essere soci cooperatori anche professionisti esperti nei diversi settori di attività che la cooperativa abbia sviluppato o che, con le proprie specializzazioni, possano costituire comunque supporto diretto o indiretto alle attività ed alla stessa cooperativa, ivi compresi, ai sensi dell'art.10 della Legge 381/1991, anche gli iscritti agli albi e ruoli professionali. Nei limiti fissati dalla legge potranno essere soci cooperatori anche lavoratori tecnici ed amministrativi nel numero strettamente necessario al buon funzionamento dell’ente.
Qualora la cooperativa svolga attività di cui alla lettera b) dell’art.1 della Legge 8 novembre 1991 n°381, sono soci cooperatori, compatibilmente con il loro stato soggettivo, anche le persone svantaggiate, come definite ai sensi dell'art.4 comma 1° della stessa legge 381/1991 e successive ed eventuali modificazioni ed integrazioni. In tal caso le persone svantaggiate devono costituire almeno la quota dei lavoratori della cooperativa fissata dal comma 2° dell’art.4 della menzionata Legge 381/1991 e successive modificazioni ed integrazioni e/o dalle altre eventuali norme di legge inerenti.
Potranno essere ammessi come soci anche persone fisiche che, pur essendo prive dei requisiti sopra indicati, siano dotate di una consolidata esperienza professionale nelle discipline inerenti le attività sociali e che siano perciò reputate idonee a contribuire al raggiungimento degli scopi della società. Possono inoltre essere soci cooperatori le persone giuridiche nei cui statuti sia previsto il finanziamento e lo sviluppo dell’attività delle Cooperative sociali.